Female CEO Reputation Premium

martedì 30 giugno, 2015

Weber Shandwick, in collaborazione con KRC Research, ha realizzato The Female CEO Reputation Premium? Differences & Similarities, un’integrazione al report The CEO Reputation Premium: Gaining Advantage in the Engagement Era (marzo 2015).

Questa survey condotta tra oltre 1750 senior executive di tutto il mondo dimostra che la corporate e la CEO reputation sono senza differenze di genere, quando si tratta si tratta di contribuire alla reputazione complessiva dell’azienda e al suo valore di mercato, e che le principali differenze tra i CEO di sesso maschile e femminile in termini di qualità di leadership sono sorprendentemente poche. Tuttavia, si rileva anche che quando le donne hanno un CEO di sesso femminile con una buona reputazione, tanto da considerarla come un modello, sono più propense a rimanere nelle rispettive aziende e più motivate a migliorare la propria posizione lavorativa.

Gail Heimann, Presidente Weber Shandwick, commenta: “La nostra ricerca dimostra che quando le donne lavorano per amministratori delegati di sesso femminile, sono più motivate ad essere leader aziendali. Questi risultati portano alla conclusione che se davvero vogliamo la parità di genere nel top management, dobbiamo promuovere più donne in posizioni di CEO e farlo ora.”

La ricerca rivela che sono pochi i dirigenti a livello mondiale – il 29% – che hanno il desiderio di guidare grandi aziende. Anche il numero di dirigenti donne con un interesse a ricoprire un giorno la posizione di CEO è limitato, in quanto ritengono di avere molte meno possibilità rispetto ai loro coetanei maschi (23% vs 32%, rispettivamente). Eppure, quando un dirigente di sesso femminile lavora per un CEO donna, l’interesse delle donne sale al 29%.

Inoltre, le donne appartenenti alla generazione dei Millennials che aspirano a diventare amministratori delegati sono superiori rispetto ai loro coetanei maschi. Il rapporto spiega che il motivo può essere perché le donne Millennials, rispetto alle generazioni precedenti, non hanno affrontato la discriminazione di genere, se non altro per la brevità della loro esperienza nel mondo del lavoro.

The Female CEO Reputation rileva infine che avere una buona reputazione è più importante per gli amministratori delegati di sesso femminile. Le dirigenti, rispetto ai pari grado di sesso maschile, dichiarano che la reputazione dei CEO influenza la loro scelta di restare in azienda (64 % vs 54 %).

Clicca qui per il report completo