LA BATTAGLIA DEI PORTAFOGLI: IL MUTEVOLE SCENARIO DEL CONSUMER ACTIVISM

mercoledì 31 gennaio, 2018

In un’epoca in cui i consumatori votano sempre di più con i loro portafogli, sia a sostegno sia contro le aziende, Weber Shandwick e KRC Research hanno realizzato un sondaggio negli Stati Uniti e nel Regno Unito per indagare sul crescente trend del consumer activism. La ricerca, Battle of the Wallets: The Changing Landscape of Consumer Activism, analizza da un lato le ragioni dei consumatori “boycotters”, dall’altro quelle di coloro che supportano le aziende acquistandone intenzionalmente i prodotti, i cosiddetti “BUYcotters“.

Come emerge dalla ricerca, il movimento BUYcott sta crescendo notevolmente e si prevede che possa anche sorpassare la pratica del boicottaggio in un prossimo futuro. Negli USA e nel Regno Unito, infatti, 8 consumatori su 10 ritengono più importante supportare le aziende che fanno la cosa giusta, adottando la pratica del BUYcotting. Poco meno del 59%, invece, pensa che il boicottaggio sia più efficace. Negli ultimi due anni, inoltre, i BUYcotters hanno intrapreso azioni di supporto alle aziende in misura maggiore (5,7, in media) rispetto ai boicottatori (4,5 in media). I BUYcotters sono anche più propensi ad agire in futuro: nei prossimi due anni, il 37% dei consumatori attivisti prevede di intraprendere ulteriori azioni di supporto, una percentuale maggiore rispetto al 28% dei boycotters.

Secondo il 48% degli intervistati, l’obiettivo principale dei BUYcotters è quello di sostenere la reputazione di un’azienda o di un marchio. I boycotters, invece, danneggiano la reputazione (35%) di un’azienda o di un marchio al fine di cambiarne il modo di operare. In entrambi i casi, comunque, lo scopo non è tanto quello di influenzare direttamente le vendite di un’azienda, bensì la sua reputazione.

Battle of the Wallets fornisce alle aziende 6 linee guida per orientarsi all’interno del mutevole scenario del consumer activism e sfruttare le potenzialità offerte dal crescente movimento dei BUYcotters.

Clicca qui per scaricare il report integrale oppure consulta la seguente info-grafica.

Battle-of-the-Wallets-infographic